Volkswagen Rivista

VIVERE MEGLIO

relax, baby!

Notti insonni, padroni nervosi, cani stressati? Mai più! Ecco alcuni consigli per godersi il viaggio e la vacanza in tutta tranquillità: in caso di dubbio, fate tre respiri profondi e mantenete la calma.

Testo Sabrina Künz
Fotografie Cem Guenes
Illustrazioni KircherBurkhardt Infografik

Vi portereste in auto un elefante senza cintura di sicurezza allacciata? Vi sembra una domanda assurda? D’accordo. E se si trattasse di pali di legno non assicurati, cosa rispondereste? No? L’idea che in caso di frenata potrebbero proiettarsi con violenza sulle teste dei vostri familiari vi spingerebbe a fissarli accuratamente. Quando si viaggia con il cane, invece, le cose cambiano. Si apre la portiera, il cane sale e non ci si pensa più, benché basti una frenata brusca a soli 50 km/h per trasformare un morbido Collie di 25 kg in un proiettile di 1.250 kg, pesante come un cucciolo di elefante.
Quest’esempio brutale mostra quanto sia importante assicurare un cane in auto. Sempre. Anche se il tragitto è breve e la fretta è molta. Esistono diversi sistemi di sicurezza: reti/griglie, trasportini fissi e mobili o apposite cinture. La scelta più adatta dipende dal temperamento e dalle dimensioni del cane e dal tipo di veicolo. Durante il viaggio il cane ha bisogno di aria. Nessun membro della famiglia dovrebbe viaggiare stretto fra le valigie in un bagagliaio soffocante. Alcuni amici a quattro zampe odiano non avere sott’occhio la propria famiglia, altri soffrono il mal d’auto a causa del traffico circostante.
Se il cane viaggia più o meno volentieri in auto, dipende dalla routine e dalle abitudini. “Per molti cani il problema non è il viaggio in sé”, afferma Julia Neuhaus, educatrice cinofila e psicologa canina. “Numerosi cani si rifiutano proprio di salire sull’auto.” Per evitare il problema, l’educatrice consiglia di abituarli all’auto fin da cuccioli, compiendo brevi tragitti, affinché ciò diventi parte della loro routine. Spesso sono già gli allevatori ad abituarli all’auto e al trasportino.

Tuttavia, anche se il cane è stato adottato da adulto o ha vissuto esperienze traumatiche, non significa che l’auto debba avere per sempre una connotazione negativa per lui. “I cani vivono nel presente. Qualsiasi cane può essere dissuaso dalla paura di viaggiare in auto”, dice Julia Neuhaus. L’importante è dedicarci del tempo e non generare troppa frenesia intorno all’evento, per non suscitare nervosismo e agitazione nel cane. Il cane deve familiarizzare con l’auto tranquillamente, soprattutto se è timido. Fatelo salire, lasciatelo annusare e aspettate che si rilassi. Elogiatelo, poi fatelo scendere. Ripetete l’esercizio, respirando lentamente e mostrando pacatezza. Iniziate infine a compiere brevi tragitti. Avere il proprio posto in auto infonde sicurezza nel cane.

Se usato correttamente, il trasportino cessa di essere un male necessario: alcuni cani si sentono talmente a proprio agio nel box da volerci dormire dentro sia a casa sia in viaggio, per avere sempre un luogo sicuro in cui rifugiarsi.

l’essere misterioso.

Quando si parla di viaggi con il cane, numerose persone si affannano in buona fede a impartirci consigli e a metterci in guardia da apparenti tabù. “Anche se avete ancora poca esperienza con i cani o con i lunghi viaggi, non lasciatevi sopraffare dalle raccomandazioni”, consiglia Julia Neuhaus. Voi conoscete il vostro cane e lui si fida di voi: prima di un viaggio in auto non si trasformerà all’improvviso in un essere misterioso dalle reazioni imprevedibili. Se si tratta di dargli da mangiare prima della partenza o di fare una pausa, fidatevi del vostro istinto. È fondamentale che il padrone si senta tranquillo e non eccessivamente nervoso, o trasmetterà tale stato d’animo anche ai passeggeri.

Accessori Volkswagen

La griglia divisoria protegge in caso di frenata brusca, separando il vano bagagli dall’abitacolo tra gli schienali posteriori e il tetto. La struttura di acciaio si fissa senza dover eseguire perforazioni dietro i sedili posteriori. Se il cane è piccolo, lo speciale divisorio separa in due il vano bagagli.

La vasca per vano bagagli
si combina con entrambi. Comoda, lavabile e antiscivolo. In alternativa, è disponibile il tappetino per bagagliaio in velluto e materiale sintetico, morbido e robusto. La protezione trasparente per la battuta del portellone ripara dai graffi e si applica facilmente sul bordo del paraurti posteriore.

Le tendine parasole
per il lunotto posteriore e i finestrini del vano bagagli proteggono dal calore e dal sole. Facili da applicare e da rimuovere, non ostacolano la visuale sul retro.

la vacanza si avvicina.

Per viaggiare insieme occorre naturalmente fare dei preparativi. È importante conoscere in anticipo il luogo della propria vacanza. Quali attività possono svolgere persone e animali? È d’obbligo il guinzaglio? Occorre la museruola? In molti Paesi dell’Unione europea è obbligatoria. Se si viaggia all’estero, è bene chiedere subito al veterinario quali vaccinazioni eseguire e quali farmaci portare con sé.
Per viaggiare all’interno dell’UE i cani necessitano di un passaporto per animali da compagnia. Il documento deve essere intestato all’animale, identificabile mediante tatuaggio o microchip, e deve indicarne il numero d’identificazione. Per gli animali registrati a partire dal 2011, è d’obbligo il microchip. Oltre ai dati del cane e del proprietario, il passaporto deve contenere la certificazione di vaccinazione antirabbica. Le disposizioni d’ingresso nei singoli Stati sono disponibili presso le ambasciate.
Ma soprattutto la destinazione della vacanza deve piacere a tutti. E non preoccupatevi: i cani amano la compagnia. Se i loro cari sono insieme, la vacanza sarà senz’altro serena. Ricordate, una vacanza attiva al mare, in montagna o nei boschi è avventurosa anche per il cane. Se lo attendono esperienze simili al termine di un lungo viaggio, anche quest’ultimo diventerà un ricordo piacevole.

Le griglie divisorie tra l’abitacolo e il vano di carico impediscono che il cane venga sbalzato in avanti in caso di frenata brusca. Proteggono gli occupanti e sono pratiche, poiché evitano l’uso del trasportino. Lo svantaggio, tuttavia, è che proteggono solo le persone. È importante non lasciare in giro oggetti non assicurati che potrebbero ferire il cane. Acquistate un modello che non permetta al cane di passare attraverso i lati della griglia.

I trasportini sono molto apprezzati e si distinguono in installazioni fisse e mobili. Le prime sono realizzate su misura per l’auto. Se avete due cani o viaggiate spesso con il cane, sono una soluzione molto sicura e comoda. Lo svantaggio è che il box occupa il vano di carico anche se viaggiate da soli. I box trasportabili sono pratici, mobili e sicuri; l’importante è che siano dotati di struttura solida. Prestate attenzione alle dimensioni, che devono essere confortevoli per il cane, e alla posizione: i trasportini per cani di piccola taglia s’inseriscono in basso tra il sedile anteriore e posteriore, mentre i modelli grandi sono destinati al vano di carico – di preferenza disposti trasversalmente rispetto alla direzione di marcia – o contro lo schienale dei sedili posteriori.

si parte!

Una passeggiata prima della partenza fa bene a tutti. In viaggio, portate con voi il giocattolo preferito del cane, la sua copertina o la sua cesta, per farlo sentire a casa. Non dimenticate l’acqua durante i viaggi estivi: in caso d’ingorghi, il viaggio si fa più lungo. Per la serenità di tutti, è importante fare qualche pausa, per sgranchirsi le gambe e permettere al cane di fare i suoi bisogni. Giocare un po’ allevia la stanchezza e la noia. Anche qui le esigenze variano da cane a cane: i due cani dell’educatrice cinofila Julia Neuhaus dormono molto durante i viaggi e trascorrono anche più di quattro ore senza farsi sentire.

Una funzione cui l’educatrice non può più rinunciare è il riscaldamento autonomo, che crea una temperatura gradevole per persone e animali. Così in inverno Julia Neuhaus può lasciare i cani brevemente in auto senza che l’abitacolo si raffreddi. Recentemente ha acquistato una Sharan, con cui spera di fare tanti viaggi interessanti con la sua famiglia e i cani.

Cinture Fin da piccoli impariamo che occorre allacciare le cinture di sicurezza. Da qui l’idea di fare altrettanto con i nostri amici a quattro zampe. Esistono cinture di sicurezza anche per cani, dotate di pettorina e agganciate al sistema di cinture dei sedili posteriori. Presso un rivenditore specializzato troverete la cintura adatta alle dimensioni e al peso del vostro cane. La pettorina deve essere bene imbottita e sufficientemente stabile. Adattate bene le misure: la cintura non deve essere troppo lunga né limitare eccessivamente i movimenti dell’animale. Se il vostro cane è molto irrequieto, è preferibile scegliere un altro sistema di trasporto.